Scopri la bellezza e la complessità di una disciplina che tocca i diversi momenti di crescita del bambino. 

Ripartono rinnovati i nostri corsi di danza classica, con l’intenzione si accompagnare i più giovani nel loro percorso di crescita senza però tralasciare il rigore e la tecnica di questa disciplina.

I benefici della danza classica negli adulti sono stati a lungo dimostrati: rilassa, aumenta la creattività e aiuta anche a superare stati d’ansia patologica. Tuttavia, spesso viene dimenticato che sono i bambini ad avere i maggiori benefici in fase di crescita.
Bisogna innanzitutto considerare la danza classica come una disciplina che accompagna il bambino nel suo sviluppo non solo fisico ma, e soprattutto, emotivo.. concetti ormai inflazionati e stereotipati. Bisogna dunque domandarsi: cosa insegna la danza classica?
L’ASCOLTO, ma non solo musicale. Sensibilizza ad un ascolto totale, del proprio corpo, delle proprie sensazioni e quelle degli altri. Generalmente i bambini vengono inseriti in gruppi di studio distinti per età e non per competenze tecniche; questo permette agli occhi dei più piccoli di vedere le numerose differenze attitudinali e fisiche tra sé e i compagni. Non tutti hanno gli stessi tempi di apprendimento e ciò che più importa è la capacità di ascoltare i propri tempi senza giudizio e non forzare ciò che di natura ne richiede di più. Ecco un’altro insegnamento: L’ATTESA. La danza è molto spesso noiosa, sicuramente ripetitiva e rigida. Ma solo ripetendo costantemente gli stessi esercizi il bambino potrà vedere i propri successi. La tecnica della danza classica arriva con l’allenamento quotidiano e richiede una quantità di tempo elevata; il bambino impara a non abbattersi ai primi insuccessi, ma li accetta e comprende che per poter ottenere ciò che desidera deve impegnarsi e non vivere i propri errori con frustrazione.
E arriviamo al principale insegnamento: il GIUDIZIO. O meglio, il NON-GIUDIZIO. I più piccoli a differenza degli adulti, comprendono immediatamente che il giudizio verso se stessi è dannoso tanto quanto quello verso gli altri. Nessuno nasce ballerina, nessuno nasce perfetto, nessuno è uguale all’altro. Tutti, con le proprie diversità fisiche e sensibili, possono fare danza. E’ proprio l’essere unici, ma accomunati dall’amore per un mondo di tulle e fiocchi rosa, che permette ai bambini di allontanarsi dagli stereotipi che spesso esistono solo nella testa di noi adulti.

Per prenotare una lezione prova clicca qui

X