Codice Identificativo
Piattaforma SOFIA
—-

Percorsi dedicati al pubblico
validi anche per l’aggiornamento docenti 

OBBIETTIVI

Finalità e Obiettivi

La finalità principale è quella di promuovere la conoscenza del Patrimonio storico artistico presente nella nostra città per trasmetterlo anche alle giovani generazioni e sollecitare così una più consapevole cultura della tutela artistica, secondo quanto previsto dalla Costituzione Italiana tra i suoi principi fondamentali.

In cosa consiste?

Il progetto è pensato per attivare durante la “lezione sul campo”, ossia di fronte all’opera d’arte, abilità di osservazione/descrizione della medesima, al fine di ricostruirne la storicità, intesa come insieme delle relazioni che legano l’oggetto al suo contesto. Il percorso prenderà in considerazione anche la formazione del cittadino, consapevole del valore del bene culturale come elemento fondante l’identità collettiva, nell’ottica di un esercizio della cittadinanza attiva (conoscere per tutelare).

La Milano di Sant’Ambrogio

Visite Guidate con l’archeologo Lodovico Zana

Con Ambrogio, alla fine del IV secolo, Milano divenne la più importante e autorevole sede episcopale dell’Occidente, in concomitanza con il suo essere capitale dell’Impero Romano. Gli echi di quello straordinario periodo sono tuttora presenti tra noi, a partire da quel “rito ambrosiano” segno di una diversità che, ben lungi dall’essere alternativa al primato della Chiesa romana, è invece affermazione di un’autorevolezza protrattasi nei secoli e rinverdita, oltre mille anni dopo, dal glorioso periodo dei Borromei, modello della Riforma Cattolica postridentina tra 1500 e 1600.

La chiesa milanese del IV secolo, grazie ad Ambrogio, guida morale e spirituale di vari imperatori, portò il cattolicesimo romano a respingere definitivamente il pericolo dell’eresia ariana, che tanta presa aveva all’epoca tra gli esponenti della casta militare del tardo Impero.

Sant’Ambrogio, nei 23 anni del suo episcopato, dal 371 al 374, lavorò senza interruzione per fare di Milano una capitale cristiana anche da un punto vista materiale e visivo, oltre che più propriamente spirituale. A questo fine realizzò una notevole serie di edifici sacri, in modo da poterli affiancare alle sontuose costruzioni che, da quasi un secolo, contraddistinguevano il volto ufficiale della capitale imperiale. Nel giro di pochi anni il visitatore che giungeva a Milano non avrebbe incontrato più solo imponenti mura scandite da monumentali porte di ingresso all’abitato, ma, percorrendo le principali strade d’accesso alla città, si sarebbe imbattuto in primo luogo in una serie di grandi basiliche cristiane, a ricordare innanzitutto la fede dei milanesi e il prestigio del loro vescovo.

Ed ecco così sorgere in breve tempo quattro grandi basiliche extraurbane, quasi ai punti cardinali, collocate nelle aree delle grandi necropoli che, come di consueto per qualsiasi città romana, si affacciavano lungo le principali vie di accesso al centro urbano.

Di queste, due (San Nazaro – la Basilica Apostolorum – a sud, lungo la strada che proveniva da Roma e San Simpliciano – la Basilica Virginum a nord, lungo la strada che transitando per Como portava in Germania) mantengono ancor oggi la pianta e la struttura voluta dallo stesso Ambrogio. Invece la Basilica Martyrum, ad occidente, che in seguito prenderà nome dal suo artefice che vi volle esser sepolto, divenne il più importante e prestigioso edificio romanico del nord Italia, nonché scrigno di straordinarie opere d’arte. Solo San Dionigi, ad oriente, oggi è scomparsa, demolita nel XVI secolo per far posto alla costruzione delle mure spagnole nell’area dell’attuale Porta Venezia.

Tutte queste architetture, se unite a quanto resta del grandioso complesso episcopale, oggi visibile negli scavi sotto il Duomo e alla grandiosa Basilica di San Lorenzo, fanno di Milano uno dei principali centri dell’architettura paleocristiana. Solo Roma e Ravenna possono vantare un maggior numero di edifici della medesima epoca. Si tratta dunque di una straordinaria testimonianza di quei tempi, una vera e propria “finestra” sull’epoca di Sant’Ambrogio. Soprattutto ci ricordano l’importanza delle nostre origini cristiane. Non si tratta dunque di un semplice ed inerte insieme di marmi, pietre, mattoni, ma di un qualcosa cui la fede dei milanesi continua ogni giorno a dare senso e vitalità: le nostre radici.

CONTATTI

L'archeologo Lodovico Zana

Milanese, laureato in Lettere, indirizzo classico, con lode presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore, consegue il Diploma di specializzazione in Archeologia con lode presso l’Università degli Studi di Milano. È docente di Italiano, Latino, Storia-Geografia, Storia dell’Arte nel Liceo Classico e Scientifico Sperimentale dell’Istituto Salesiano Don Bosco di Treviglio (BG) dal settembre 1992. Ha svolto varie attività di collaborazione (scavi, schedatura materiali, ecc.) con le Soprintendenze archeologiche della Lombardia e del Piemonte. Ha realizzato diverse pubblicazioni su argomenti archeologici.

Accreditamento MIUR

Con decreto ex l’art 5 Direttiva 90/2003 RU 7216 del 7 luglio 2011il  Centro Culturale Asteria è stato riconosciuto dal MIUR come soggetto accreditato per la Formazione del personale della scuola. Pertanto la partecipazione agli eventi o ai Corsi di aggiornamento gode di riconoscimento ministeriale ai fini della formazione in servizio ed i docenti che intendono parteciparvi possono usufruire dell’esonero dal servizio alle consuete condizioni.

A tal fine il  Centro Culturale Asteria rilascia su richiesta apposita attestazione di presenza.

Crediti Formativi

Per il ciclo di incontri “Milano Arte” il Centro Culturale Asteria rilascia agli studenti un’attestazione di frequenza valida ai fini del riconoscimento dei crediti formativi.

INFO

€ 9 comprensiva del noleggio dell’audioauricolare personale

Ritrovo sul luogo della visita

H. 15

Su prenotazione si possono organizzare gite di classe, minimo 20 partecipanti

IL CORSO

1° VISITA: La basilica di Sant’Ambrogio (Basilica martyrum): 1600 anni di storia milanese in un solo monumento

VISITA: Il Museo Diocesano: l’eredità culturale e religiosa di Ambrogio

3° CONFERENZA: L’arte paleocristiana a Milano: il volto cristiano di una capitale imperiale

4° VISITA: La basilica di San Simpliciano (Basilica Virginum): dall’eredità di Ambrogio a custode del simbolo del Comune medievale

VISITA: La basilica di San Nazaro (Basilica Apostolorum): la prima chiesa a croce dell’Occidente

VISITA FUORI PORTA: Varallo Sesia e il Sacro Monte: capolavori di arte e devozione religiosa di matrice ambrosiana fuori di Lombardia

PER I DOCENTI

TUTORIAL

CARTA DEL DOCENTE

TUTORIAL

PIATTAFORMA SOFIA

IL CORSO

Ambiti Formativi:
Destinatari:
Mappatura delle Competenze:
Durata Totale:
Frequenza Necessaria:

PER LE SCUOLE

 Dall’esperienza pluriennale di collaborazione con l’archeologo Lodovico Zana e la proposta di cicli tematici di visite guidate alla riscoperta di Milano tra arte, storia e cultura, il Centro Asteria propone alle scuole una sintesi di questi cicli in tre itinerari, da svolgersi su appuntamento il sabato mattina. Sarà possibile concordare eventuali variazioni di percorso direttamente con il docente.

NUOVO PERCORSO

L’itinerario è completamente dedicato alla visita della Basilica
di Sant’Ambrogio (Basilica Martyrum), ricca di straordinari tesori d’arte,
senza tralasciare uno sguardo al monastero benedettino che vi sorse accanto, oggi sede dell’Università Cattolica, e del celebre Sacello di San Vittore in Ciel d’oro, con i suoi mosaici, tra i quali compare il più antico ritratto di Ambrogio e forse anche l’unico che riporta le sue reali fattezze.

STUDENTI € 9*
*Il costo è comprensivo degli auricolari.
Sono esclusi gli eventuali ingressi ai musei

Visite Guidate su richiesta da concordare

Visita alle Chiese di Santa Maria presso San Satiro, San Maurizio e Santa Maria delle Grazie: il filo conduttore, oltre alle principali architetture bramantesche, è costituito dagli ambiti in cui Leonardo operò alle dipendenze degli Sforza.

Un percorso per il centro di Milano che si svolge su due piani: la ricostruzione dell’itinerario di Renzo –dal Forno delle Grucce al Lazzaretto, e i luoghi più importanti dove visse e operò il grande scrittore: piazza e chiesa di San Fedele, casa di Manzoni (non è compreso il museo Manzoniano)

Da Maria Teresa d’Austria a Napoleone
Visita al Teatro alla Scala ai Palazzi Belgioioso, Serbelloni, Rocca Saporiti e alla Villa Reale di via Palestro, per concludersi con l’Arco della Pace e l’Arena Civica.

Visita alle Colonne e alla basilica di San Lorenzo, ai resti della torre romana del Carrobbio, proseguendo con il circo e ciò che rimane del Palazzo imperiale, per concludere al Museo Archeologico, con le mura imperiali è il plastico ricostruttivo della città, che fu capitale dell’Impero romano dal 290 al 402.

ottobre 2018

dom14ott15:00La basilica di Sant'Ambrogio15:00 Tipo di evento:Aggiornamento Docenti,Milano Arte

dom21ott15:00La basilica di Sant'Ambrogio15:00 Tipo di evento:Aggiornamento Docenti,Milano Arte

novembre 2018

dom11nov15:00Il Museo Diocesano15:00 Tipo di evento:Aggiornamento Docenti,Milano Arte

dom18nov15:00Il Museo Diocesano15:00 Tipo di evento:Aggiornamento Docenti,Milano Arte

gennaio 2019

dom20gen15:00Conferenza: L'arte paleocristiana a Milano15:00 Tipo di evento:Aggiornamento Docenti,Milano Arte

febbraio 2019

dom10feb15:00La basilica di San Simpliciano15:00 Tipo di evento:Aggiornamento Docenti,Milano Arte

dom17feb15:00La basilica di San Simpliciano15:00 Tipo di evento:Aggiornamento Docenti,Milano Arte

marzo 2019

dom17mar15:08La basilica di San Nazaro15:08 Tipo di evento:Aggiornamento Docenti,Milano Arte

dom24mar15:00La basilica di San Nazaro15:00 Tipo di evento:Aggiornamento Docenti,Milano Arte

aprile 2019

dom14apr8:00Gita fuori porta - Varallo Sesia e il Sacro Monte8:00 Tipo di evento:Aggiornamento Docenti,Milano Arte