fbpx

Centro Asteria

Eventi di questo organizzatore

febbraio

ven02feb10:00Evento TerminatoANCHE IN STREAMINGFiume di acqua e di fango10:00

Biglietti

I biglietti di questo evento non sono più disponibili per la vendita!

Dettagli evento

La grande alluvione del 1994

Spettacolo teatrale di e con Sara Dho
Musiche Roberto Dibitonto, scenografie Luigi Napolitano
Approfondimento con Laura Cavalli, senior researcher e project manager presso la Fondazione Eni Enrico Mattei, docente presso Università Cattolica

Uno spettacolo e un approfondimento per riflettere sul rischio idrogeologico in Italia e sulle strategie da attuare per la salvaguardia dei nostri territori

Il Tanaro scuro, violento, arrabbiato, le distese di acqua e fango nelle campagne e poi tra le strade, nelle città, nelle case, mentre il numero dei morti e degli sfollati cresceva di ora in ora. Immagini simbolo della grande alluvione del novembre 1994, scolpite per sempre nella memoria di chi, quei giorni, li ha vissuti in prima persona e li ricorda distintamente, come se il tempo non fosse mai passato.

Una ferita ancora aperta, che ha cambiato per sempre il Piemonte e il suo modo di approcciarsi all’emergenza.

Lo spettacolo è da un lato un modo per conoscere gli avvenimenti di quel tragico autunno, dall’altro un modo per riflettere sulla gestione dell’ambiente nel nostro paese e sulla capacità di reagire di fronte alla tragedia, che si concretizzò, durante quel tragico evento, anche attraverso esempi di coraggio, impegno
e determinazione
.

Lo spettacolo sarà l’occasione per approfondire l’applicazione dell’Agenda 20-30 in Italia.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Venerdi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

lun05feb09:00Evento TerminatoANCHE IN STREAMINGSOLD OUT IN PRESENZAQuestione di razza09:00

Biglietti

I biglietti di questo evento non sono più disponibili per la vendita!

Dettagli evento

Incontro con Guido Barbujani genetista,
scrittore e docente di genetica presso l’Università di Ferrara
Letture di Chiara Tessiore, attrice e regista

Un genetista di fama internazionale racconta di come alcuni scienziati negli anni Trenta accettarono di costruire l’atmosfera culturale in cui poterono esser promulgate le leggi antiebraiche

Le Leggi Razziali del 1938 hanno privato di ogni diritto 40mila persone definite cittadini italiani di razza ebraica, molte delle quali sono morte nei campi di sterminio. Ma queste leggi disumane sono state applicate da esseri umani: spesso consapevoli, a volte incapaci di comprendere la vera portata delle loro azioni. A partire da un romanzo di Guido Barbujani, Questione di razza, si racconterà di quando l’Italia si è proclamata “francamente razzista”.

Attraverso la storia di quegli anni, e del vano sforzo scientifico di catalogare le razze umane, cercheremo di capire come persone per bene, o che si credevano per bene, abbiano potuto essere complici di crimini orrendi.  Oggi, infatti, grazie agli studi di genetica, possiamo smentire senza alcun dubbio l’idea secondo la quale l’umanità sia frammentata in gruppi biologicamente distinti, quei gruppi che in altre specie si chiamano razze.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Lunedi) 09:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

lun05feb11:15Evento TerminatoSOLD OUT IN PRESENZAQuestione di razza11:15

Biglietti

I biglietti di questo evento non sono più disponibili per la vendita!

Dettagli evento

Incontro con Guido Barbujani genetista,
scrittore e docente di genetica presso l’Università di Ferrara
Letture di Chiara Tessiore, attrice e regista

Un genetista di fama internazionale racconta di come alcuni scienziati negli anni Trenta accettarono di costruire l’atmosfera culturale in cui poterono esser promulgate le leggi antiebraiche

Le Leggi Razziali del 1938 hanno privato di ogni diritto 40mila persone definite cittadini italiani di razza ebraica, molte delle quali sono morte nei campi di sterminio. Ma queste leggi disumane sono state applicate da esseri umani: spesso consapevoli, a volte incapaci di comprendere la vera portata delle loro azioni. A partire da un romanzo di Guido Barbujani, Questione di razza, si racconterà di quando l’Italia si è proclamata “francamente razzista”.

Attraverso la storia di quegli anni, e del vano sforzo scientifico di catalogare le razze umane, cercheremo di capire come persone per bene, o che si credevano per bene, abbiano potuto essere complici di crimini orrendi.  Oggi, infatti, grazie agli studi di genetica, possiamo smentire senza alcun dubbio l’idea secondo la quale l’umanità sia frammentata in gruppi biologicamente distinti, quei gruppi che in altre specie si chiamano razze.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Lunedi) 11:15

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar06feb15:00Comandante15:00

Dettagli evento

Orari

(Martedi) 15:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar06feb20:45Comandante20:45

Dettagli evento

Orari

(Martedi) 20:45

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mer07feb10:00Evento TerminatoSOLD OUT IN PRESENZACritone10:00

Biglietti

I biglietti di questo evento non sono più disponibili per la vendita!

Dettagli evento

Spettacolo teatrale della Compagnia Carlo Rivolta
con Luciano Bertoli, Gabriele Reboni e Nicola Cazzalini
regia di Nuvola de Capua, dalla traduzione di Giovanni Reale
Presentazione di Vito Limone, docente di Storia, Università San Raffaele

Uno spietato conflitto interiore costringerà Socrate a prendere una decisione, mettendo in discussione i concetti di responsabilità e di giustizia

«Critone vuole convincere Socrate, suo amico e coetaneo, a evadere dal carcere, prima che avvenga l’esecuzione della condanna a morte.  La corruzione diffusa e il denaro sborsato ai carcerieri consentono una fuga facile. Un’opinione pubblica confusa e mutevole favorisce malaffare e compromessi. D’altra parte sarebbe giusto scappare, dato che l’accusa contro Socrate è stata ingiusta.

Le ragioni dei due amici si confrontano secondo l’andamento del dialogo filosofico caro a Socrate, a cui Critone è abituato da sempre. Con un colpo di teatro, Socrate recita la fuga dal carcere. Un giovane ateniese, sconvolto dall’inatteso comportamento del filosofo, dà voce e corpo alla Città e alle sue Leggi. I tre personaggi sostengono con tenacia e ironia le proprie ragioni. Noi stessi, coinvolti in una serie di riflessioni e domande sulla coerenza, l’onestà, la giustizia, la responsabilità, l’obbedienza al patto con le Leggi, l’assoluto rifiuto della violenza, rimaniamo sospesi fino alla fine. Socrate è incarcerato, ma il suo pensiero è libero. E noi, liberi cittadini della nostra Città, che cosa pensiamo della giustizia e delle leggi? Siamo ancora coerenti nel nostro pensare, dire e fare?»

(Nuvola de Capua)

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Mercoledi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mer07feb11:49mer11:49Evento TerminatoANCHE IN STREAMINGMetaverso: un nuovo concetto di realtà?11:49 - 11:49

Biglietti

I biglietti di questo evento non sono più disponibili per la vendita!

Dettagli evento

Incontro con Silvano Petrosino docente di Filosofia Teoretica, Teorie della comunicazione e Filosofia morale presso l’Università Cattolica di Milano

Uno tra i più apprezzati filosofi italiani approfondisce un aspetto del “mondo digitale” dalle grandi potenzialità, che tuttavia lascia ancora aperti diversi interrogativi

Il termine «metaverso» è ormai entrato nel linguaggio comune e nel dibattitto culturale accompagnato, quasi sempre, con apprezzamenti più che lusinghieri e con un evidente entusiasmo.

In effetti, attorno a questo termine si raccolgono tematiche fondamentali per la vita di ognuno di noi come quelle relative all’idea di realtà e al concetto di esperienza.

Scopo della presente conferenza è favorire una lettura critica delle due nozioni, proponendo agli studenti una riflessione approfondita attorno alle importanti implicazioni per il futuro dell’umanità che questo tipo di tecnologia ha già nel presente e le cui applicazioni appaiono già oggi largamente diffuse nei più svariati ambiti della vita quotidiana.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Mercoledi) 11:49 - 11:49

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

gio08feb10:00Evento TerminatoCritone10:00

Biglietti

I biglietti di questo evento non sono più disponibili per la vendita!

Dettagli evento

Spettacolo teatrale della Compagnia Carlo Rivolta
con Luciano Bertoli, Gabriele Reboni e Nicola Cazzalini
regia di Nuvola de Capua, dalla traduzione di Giovanni Reale
Presentazione di Vito Limone, docente di Storia, Università San Raffaele

Uno spietato conflitto interiore costringerà Socrate a prendere una decisione, mettendo in discussione i concetti di responsabilità e di giustizia

«Critone vuole convincere Socrate, suo amico e coetaneo, a evadere dal carcere, prima che avvenga l’esecuzione della condanna a morte.  La corruzione diffusa e il denaro sborsato ai carcerieri consentono una fuga facile. Un’opinione pubblica confusa e mutevole favorisce malaffare e compromessi. D’altra parte sarebbe giusto scappare, dato che l’accusa contro Socrate è stata ingiusta.

Le ragioni dei due amici si confrontano secondo l’andamento del dialogo filosofico caro a Socrate, a cui Critone è abituato da sempre. Con un colpo di teatro, Socrate recita la fuga dal carcere. Un giovane ateniese, sconvolto dall’inatteso comportamento del filosofo, dà voce e corpo alla Città e alle sue Leggi. I tre personaggi sostengono con tenacia e ironia le proprie ragioni. Noi stessi, coinvolti in una serie di riflessioni e domande sulla coerenza, l’onestà, la giustizia, la responsabilità, l’obbedienza al patto con le Leggi, l’assoluto rifiuto della violenza, rimaniamo sospesi fino alla fine. Socrate è incarcerato, ma il suo pensiero è libero. E noi, liberi cittadini della nostra Città, che cosa pensiamo della giustizia e delle leggi? Siamo ancora coerenti nel nostro pensare, dire e fare?»

(Nuvola de Capua)

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Giovedi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

ven09feb10:00Evento TerminatoANCHE IN STREAMINGSOLD OUT IN PRESENZACritone10:00

Biglietti

I biglietti di questo evento non sono più disponibili per la vendita!

Dettagli evento

Spettacolo teatrale della Compagnia Carlo Rivolta
con Luciano Bertoli, Gabriele Reboni e Nicola Cazzalini
regia di Nuvola de Capua, dalla traduzione di Giovanni Reale
Presentazione di Vito Limone, docente di Storia, Università San Raffaele

Uno spietato conflitto interiore costringerà Socrate a prendere una decisione, mettendo in discussione i concetti di responsabilità e di giustizia

«Critone vuole convincere Socrate, suo amico e coetaneo, a evadere dal carcere, prima che avvenga l’esecuzione della condanna a morte.  La corruzione diffusa e il denaro sborsato ai carcerieri consentono una fuga facile. Un’opinione pubblica confusa e mutevole favorisce malaffare e compromessi. D’altra parte sarebbe giusto scappare, dato che l’accusa contro Socrate è stata ingiusta.

Le ragioni dei due amici si confrontano secondo l’andamento del dialogo filosofico caro a Socrate, a cui Critone è abituato da sempre. Con un colpo di teatro, Socrate recita la fuga dal carcere. Un giovane ateniese, sconvolto dall’inatteso comportamento del filosofo, dà voce e corpo alla Città e alle sue Leggi. I tre personaggi sostengono con tenacia e ironia le proprie ragioni. Noi stessi, coinvolti in una serie di riflessioni e domande sulla coerenza, l’onestà, la giustizia, la responsabilità, l’obbedienza al patto con le Leggi, l’assoluto rifiuto della violenza, rimaniamo sospesi fino alla fine. Socrate è incarcerato, ma il suo pensiero è libero. E noi, liberi cittadini della nostra Città, che cosa pensiamo della giustizia e delle leggi? Siamo ancora coerenti nel nostro pensare, dire e fare?»

(Nuvola de Capua)

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Venerdi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

dom11feb15:00Prendi il volo15:00

Dettagli evento

Orari

(Domenica) 15:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

dom11feb17:30Prendi il volo17:30

Dettagli evento

Orari

(Domenica) 17:30

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar13feb15:00Kafka a TeheranV.O. SOTT. ITA15:00

Dettagli evento

Orari

(Martedi) 15:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar13feb20:45Kafka a TeheranV.O. SOTT. ITA20:45

Dettagli evento

Orari

(Martedi) 20:45

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

dom18feb15:00Gallerie d'Italia e Giardino di Casa Manzoni15:00

Orari

(Domenica) 15:00

Evento organizzato da

mar20feb10:00Evento TerminatoConcertina 2210:00

Biglietti

I biglietti di questo evento non sono più disponibili per la vendita!

Dettagli evento

Spettacolo di e con Roberta Biagiarelli
e Duccio Facchini direttore del mensile Altreconomia
Luci, audio, video di Giovanni Tammaro
Fotografie di Luigi Ottani

Una lezione teatralizzata e multimediale per conoscere i “nuovi muri” costruiti nel cuore dell’Europa e il dramma delle persone migranti

“Concertina 22” è il nome tecnico del filo rasoiato di nuova generazione “di alta sicurezza” in acciaio zincato intervallato da lame di 22 millimetri, che ha sostituito il filo spinato, utilizzato per rendere invalicabili i confini d’Europa e altri luoghi del mondo. Dopo la caduta del Muro di Berlino non avremmo immaginato il sorgere di nuovi muri.

La ‘Concertina 22’ incorona purtroppo, sempre più di frequente, gli spazi della nostra Fortezza Europa e segna i nostri silenzi dinanzi alle sofferenze dell’altro, i pregiudizi, le idee che ‘contrabbandano’ la vita come sicura solo attraverso le divisioni. Il risultato è uno spettacolo ‘polifonico’ e multidisciplinare a cui l’attrice dà voce, attraverso le storie e le difficoltà – spesso tragiche – delle persone che per vie di mare e di terra scappano da guerre, violazioni dei diritti e carestie. Un’occasione di riflessione e approfondimento, anche a livello terminologico, grazie alla presenza di un esperto, del fenomeno migratorio in Italia e in Europa.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Martedi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar20feb15:00Riabbracciare Parigi15:00

Dettagli evento

Orari

(Martedi) 15:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar20feb20:45Riabbracciare Parigi20:45

Dettagli evento

Orari

(Martedi) 20:45

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

dom25feb15:00Il ragazzo e l'Airone15:00

Dettagli evento

CONSIGLIATA VISIONE PER MINORI ACCOMPAGNATI DA UN ADULTO

Orari

(Domenica) 15:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

dom25feb17:30Il ragazzo e l'Airone17:30

Dettagli evento

CONSIGLIATA VISIONE PER MINORI ACCOMPAGNATI DA UN ADULTO

Orari

(Domenica) 17:30

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar27feb10:00ANCHE IN STREAMINGLa crepa e la luce10:00

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Incontro con Gemma Capra Milite, vedova del commissario Luigi Calabresi, e Daniela Mainini presidente del Centro Studi Grande Milano

La testimonianza di un cammino, quello di Gemma, vedova del commissario Luigi Calabresi, iniziato il giorno dell’omicidio del marito

«Ho fatto il possibile per darvi la gioia di vivere e di credere ancora nell’umanità, nell’uomo, nelle persone.»

(Gemma Calabresi Milite)

Sono passati ormai cinquant’anni da quel 17 maggio del 1972, quando Luigi Calabresi venne ucciso sotto casa.

Il commissario di polizia e addetto alla squadra politica della Questura di Milano perse la vita quel giorno a causa di un commando di due uomini che lo uccise con due colpi di pistola.

Un percorso esistenziale tortuoso quello che ci viene narrato da Gemma che, partendo dall’umano desiderio di vendetta di una ragazza di venticinque anni con due bambini piccoli (Mario e Paolo) e un terzo in arrivo (Luigi), la porterà, non senza fatica, a crescerli lontani da ogni tentazione di rancore e rabbia e ad abbracciare, nel tempo e con sempre più determinazione, l’idea del perdono.

Un’intensa e sincera testimonianza sul senso della giustizia, della memoria e dell’amore.

in collaborazione con

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Martedi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar27feb15:00The old OakV.O. SOTT. ITA15:00

Dettagli evento

Orari

(Martedi) 15:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar27feb20:45The old OakV.O. SOTT. ITA20:45

Dettagli evento

Orari

(Martedi) 20:45

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

gio29feb10:00Big bang10:00

Big Bang

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Spettacolo di e con Lucilla Giagnoni
Musiche originali di Paolo Pizzimenti
Luci di Massimo Violato

Un affascinante racconto sulla nascita dell’universo, che intreccia scienza, letteratura e narrazione biblica, partendo dall’ultima parola della Divina Commedia: “stelle”

L’eterna domanda dell’individuo di fronte all’infinità, al mistero dell’universo, su, su, a ritroso, fino al momento dell’inizio: perché nella scoperta di come tutto potrebbe essere iniziato, si potrebbero trovare indizi sul senso più profondo che racchiude e su come eventualmente finirà.

II fascino di quel primo attimo dell’Universo e il Mistero che lo avvolge ci conducono, attraverso le svolte della vita e della storia, dal silenzio e dal buio primordiali, a cogliere lo struggente desiderio della nostra Radice: che non conosciamo, ma che esiste e si irradia su noi, parte dell’infinito, come luce di una gioia infinita.

Nel percorso teatrale, l’intreccio tra i vari linguaggi, quello biblico della Genesi, quello della poesia di Dante, del teatro di Shakespeare e della scienza nella teoria della relatività di Einstein, evidenzia la lotta millenaria fra la luce e le tenebre, fra il bene e il male, la vita e la morte. Non è illusione. Possiamo sperare e, nella fiducia, affidarci.

“Sia la luce” e la luce fu.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Giovedi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

marzo

ven01mar10:00Big bang10:00

Big Bang

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Spettacolo di e con Lucilla Giagnoni
Musiche originali di Paolo Pizzimenti
Luci di Massimo Violato

Un affascinante racconto sulla nascita dell’universo, che intreccia scienza, letteratura e narrazione biblica, partendo dall’ultima parola della Divina Commedia: “stelle”

L’eterna domanda dell’individuo di fronte all’infinità, al mistero dell’universo, su, su, a ritroso, fino al momento dell’inizio: perché nella scoperta di come tutto potrebbe essere iniziato, si

potrebbero trovare indizi sul senso più profondo che racchiude e su come eventualmente finirà.

II fascino di quel primo attimo dell’Universo e il Mistero che lo avvolge ci conducono, attraverso le svolte della vita e della storia, dal silenzio e dal buio primordiali, a cogliere lo struggente desiderio della nostra Radice: che non conosciamo, ma che esiste e si irradia su noi, parte dell’infinito, come luce di una gioia infinita.

Nel percorso teatrale, l’intreccio tra i vari linguaggi, quello biblico della Genesi, quello della poesia di Dante, del teatro di Shakespeare e della scienza nella teoria della relatività di Einstein, evidenzia la lotta millenaria fra la luce e le tenebre, fra il bene e il male, la vita e la morte. Non è illusione. Possiamo sperare e, nella fiducia, affidarci.

“Sia la luce” e la luce fu.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Venerdi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

lun04mar10:00SOLD OUT IN PRESENZAGiustizia e Riconciliazione10:00

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Incontro con
Franco Bonisoli
ex brigatista
Giorgio Bazzega
figlio del poliziotto Sergio ucciso dalle BR
Manlio Milani presidente Ass. Familiari dei Caduti di Piazza Loggia

La giustizia riparativa è, per le vittime, un modo per uscire dalla prigione che la sofferenza costruisce intorno all’anima. Agli autori di reato, invece, essa restituisce l’umanità e la possibilità del cambiamento

Cosa succede alle persone quando le loro vite sono toccate dalla violenza?
Essa ferisce solo chi la subisce o anche chi ne è responsabile? Le condanne e le pene inflitte bastano a dare giustizia alle vittime? È possibile perdonare gli altri e se stessi? Chi ha fatto azioni terribili può cambiare?
È possibile incontrare chi ti ha fatto del male o coloro ai quali hai fatto del male?

Attorno a queste domande Franco Bonisoli, Giorgio Bazzega e Manlio Milani dialogheranno con i giovani. Testimoni, in situazioni e contesti diversi, della stagione della lotta armata, Franco, Giorgio e Manlio si sono incontrati nella speranza che le ferite possano essere curate e che la vita possa “ricrescere buona”.
Una speranza condivisa da tanti, in aree del mondo che hanno vissuto terribili conflitti e che devono fare oggi i conti con difficili convivenze.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Lunedi) 10:00

Luogo

Teatro Dal Verme

via S. Giovanni sul Muro, 2

Evento organizzato da

mar05mar09:30C'è ancora domani09:30

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Orari

(Martedi) 09:30

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar05mar15:00C'è ancora domani15:00

Orari

(Martedi) 15:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar05mar20:45C'è ancora domani20:45

Orari

(Martedi) 20:45

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mer06mar09:30C'è ancora domani09:30

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Orari

(Mercoledi) 09:30

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

gio07mar10:00SOLD OUT IN PRESENZAIl Memorioso10:00

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Breve guida alla memoria del bene

Spettacolo con Massimiliano Speziani
di Paola Bigatto e Massimiliano Speziani
Presentazione di Gabriele Nissim, giornalista e saggista, presidente di Gariwo-la foresta dei Giusti

Una carta geografica alle spalle e un appassionato bisogno di ricordare il Bene, fatto da chi, nelle situazioni più estreme, ha avuto  il coraggio di aiutare i perseguitati

I Giusti sono coloro che hanno aiutato altri esseri umani, salvando anche un solo uomo dalla morte. Così facendo non hanno certo rovesciato la Storia, ma hanno consentito, come una piccola fiamma nel buio, che non si perdesse la fiducia nell’uomo.

È proprio questa luce, tanto flebile rispetto alle tenebre che l’attorniano, a dimostrarci che il bene è sempre possibile, che l’uomo può sempre dire un sì o un no.

Moshe Bejski dedicò la sua vita al ricordo del bene, istituendo la Commissione dei Giusti presso il Memoriale di Yad Vashem a Gerusalemme con l’obiettivo di rintracciare il maggior numero possibile di coloro che avevano rischiato la vita per aiutare gli ebrei durante la persecuzione nazista, e così ricordarli per sempre con un albero nel giardino del Memoriale stesso.

in collaborazione con

genere teatrale

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Giovedi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

ven08mar10:00Il Memorioso10:00

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Breve guida alla memoria del bene

Spettacolo con Massimiliano Speziani
di Paola Bigatto e Massimiliano Speziani
Presentazione di Gabriele Nissim, giornalista e saggista, presidente di Gariwo-la foresta dei Giusti

Una carta geografica alle spalle e un appassionato bisogno di ricordare il Bene, fatto da chi, nelle situazioni più estreme, ha avuto  il coraggio di aiutare i perseguitati

I Giusti sono coloro che hanno aiutato altri esseri umani, salvando anche un solo uomo dalla morte. Così facendo non hanno certo rovesciato la Storia, ma hanno consentito, come una piccola fiamma nel buio, che non si perdesse la fiducia nell’uomo.

È proprio questa luce, tanto flebile rispetto alle tenebre che l’attorniano, a dimostrarci che il bene è sempre possibile, che l’uomo può sempre dire un sì o un no.

Moshe Bejski dedicò la sua vita al ricordo del bene, istituendo la Commissione dei Giusti presso il Memoriale di Yad Vashem a Gerusalemme con l’obiettivo di rintracciare il maggior numero possibile di coloro che avevano rischiato la vita per aiutare gli ebrei durante la persecuzione nazista, e così ricordarli per sempre con un albero nel giardino del Memoriale stesso.

in collaborazione con

genere teatrale

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Venerdi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

dom10mar15:00Wish15:00

Dettagli evento

Orari

(Domenica) 15:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

dom10mar15:00San Maurizio e Santa Maria alla porta15:00

Orari

(Domenica) 15:00

Evento organizzato da

dom10mar17:30Wish17:30

Dettagli evento

Orari

(Domenica) 17:30

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

lun11mar10:00ANCHE IN STREAMINGGiustizia e Riconciliazione10:00

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Incontro con
Franco Bonisoli
ex brigatista
Giorgio Bazzega
figlio del poliziotto Sergio ucciso dalle BR
Manlio Milani presidente Ass. Familiari dei Caduti di Piazza Loggia

La giustizia riparativa è, per le vittime, un modo per uscire dalla prigione che la sofferenza costruisce intorno all’anima. Agli autori di reato, invece, essa restituisce l’umanità e la possibilità del cambiamento

Cosa succede alle persone quando le loro vite sono toccate dalla violenza?
Essa ferisce solo chi la subisce o anche chi ne è responsabile? Le condanne e le pene inflitte bastano a dare giustizia alle vittime? È possibile perdonare gli altri e se stessi? Chi ha fatto azioni terribili può cambiare?
È possibile incontrare chi ti ha fatto del male o coloro ai quali hai fatto del male?

Attorno a queste domande Franco Bonisoli, Giorgio Bazzega e Manlio Milani dialogheranno con i giovani. Testimoni, in situazioni e contesti diversi, della stagione della lotta armata, Franco, Giorgio e Manlio si sono incontrati nella speranza che le ferite possano essere curate e che la vita possa “ricrescere buona”.
Una speranza condivisa da tanti, in aree del mondo che hanno vissuto terribili conflitti e che devono fare oggi i conti con difficili convivenze.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Lunedi) 10:00

Luogo

Auditorium Mahler

Largo Mahler

Evento organizzato da

lun11mar19:30Nessun miracolo a Milano19:30

Dettagli evento

PER I PRIVATI

INTERO € 15      –     RIDOTTO € 12

PER LE SCUOLE

RIDOTTO STUDENTI  € 12      –    DOCENTI ACCOMPAGNATORI GRATUITO

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

uno spettacolo di e con MASSIMILIANO SPEZIANI

testo RENATO GABRIELLI
spazio a cura di LUIGI MATTIAZZI
costumi di AURORA DAMANTI
assistente alla regia VIRGINIA LANDI e CLARA DIGIACOMO

A Milano, in un futuro non molto lontano, davanti alle rovine di un centro per l’arte contemporanea, Ferdy, un inquieto uomo di mezz’età, intrattiene un gruppo di bambini nell’attesa dell’improbabile ritorno dal cielo, a cavallo di una scopa, di un suo amico e mentore di tanti anni fa. Quell’amico si chiama Totò, proprio come il protagonista di Miracolo a Milano di Zavattini e De Sica. Ma la storia che Ferdy ricorda, o forse inventa lì per lì, è completamente diversa da quella del film.

Scritto di getto da Gabrielli durante il lockdown milanese per Speziani, che ha cominciato a metterlo in prova già nello stesso periodo, davanti ai condomini riuniti (a regolamentare distanza) nel cortile di casa sua, Nessun miracolo a Milano reagisce all’oscura incertezza del nostro presente con una favola malinconica e lucida, mai disperata. Il protagonista è un inquieto uomo di mezza età, con il suo fardello di ricordi e menzogne, che solo un grande artista saprebbe trasformare e rendere sopportabili, restituendo loro un senso. Insieme a un pubblico di presunti bambini, attende il ritorno di uno straordinario uomo di spettacolo, volato via nel cielo di Milano tanti anni fa. Ma tornerà davvero? Ci incanterà di nuovo con i suoi trucchi? Trucchi – non miracoli. Perché i miracoli non esistono, non sono mai esistiti, tanto meno a Milano….

 

“Estrarre la magia dal nulla, o quasi nulla: è così che funziona la vera arte. Finisce lo spettacolo e non ti rimane nulla, o quasi nulla, soltanto un senso di magia leggero e lo stupore di essere vivo, ancora.”

Totò (o la poesia) a cavallo di una scopa

di Diego Vincenti

È come se qualcuno ti prendesse per mano. Ma in maniera delicata, senza nemmeno stringere troppo le dita. E ti accompagnasse da qualche parte fuori dalle mappe. Nei territori della poesia. È un poquesta la sensazione di fronte alla nuova avventura di Renato Gabrielli e Massimiliano Speziani, una delle relazioni in assoluto più stabili a Milano. Non soltanto a teatro. Inizio caratterizzato da atmosfere sospese. Affidate al candore istrionico di Speziani. A cui calza a pennello questa solitaria figura archetipa in bilico tra la Commedia dellArte e il Ferdydurke dellomonimo romanzo di Gombrowicz, ladolescente perdigiorno nel corpo di un adulto. Ma poi piano piano, senza scossoni, si viene sedotti da un racconto di grandissima cura drammaturgica, piuttosto curioso nellispirazione (il film di De Sica, i disperati che prendono il volo, che così non danno nemmeno troppo fastidio), estremamente politico nel porre al centro della scena i rapporti di classe, il confronto tra ricchi e poveri, la rabbia che cova sotto la pandemia. Una sorta di divagazione zavattiniana. Con il protagonista di fronte ai resti di un museo darte contemporanea che racconta a dei bimbi/spettatori la storia del Totò cinematografico. La racconta come se la ricorda. Come si fa sempre. In attesa di un suo fantomatico ritorno, a cavallo della scopa. Chissà. Certo in questo futuro non troppo distante ce ne sarebbe pure bisogno. Magari con un pizzico di cattiveria antagonista in più. Sul palco è tutto ridotto allosso: parola, attore e spazio vuoto, oltre a una manciata di bastoni. E forse su questo ci si può concedere una riflessione, se aggiungere un paio di dettagli, unevocazione. Così come la durata risulta piuttosto impegnativa. Ma per il resto si parla di un lavoro agile e di gran cura, che sembra tornare a una matrice originaria del fare teatro. Fra rigore e pulizia. Senza perdere lucidità nella lettura del presente.

(Hystrio” 3/2022)

Orari

(Lunedi) 19:30

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar12mar15:00Cento domeniche15:00

Dettagli evento

Orari

(Martedi) 15:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar12mar20:45Cento domeniche20:45

Dettagli evento

Orari

(Martedi) 20:45

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mer13mar09:00ANCHE IN STREAMINGViaggiando oltre il cielo09:00

Viaggiando oltre il cielo

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Incontro con Umberto Guidoni, astronauta, astrofisico, divulgatore scientifico e scrittore
Proiezioni multimediali e filmati originali

Un viaggio appassionante, attraverso le stelle
(e oltre), con uno dei più importanti astronauti italiani

Abbiamo appena iniziato a lambire gli spazi sconfinati del cosmo, e più ci inoltriamo nella sua esplorazione, con sonde lanciate oltre i confini del nostro sistema solare, con telescopi sempre più potenti e precisi e missioni sempre più avveniristiche, più comprendiamo quanto profondo e intatto resti il suo mistero.

Umberto Guidoni, grande protagonista delle imprese spaziali e primo europeo a salire sulla Stazione Spaziale Internazionale, racconta la sua esperienza di astronauta con la freschezza e la competenza di chi ha davvero toccato le stelle.

Con storie di prima mano, aneddoti, curiosità e grande capacità di divulgazione scientifica, spiega come si vive su una navetta spaziale, come nasce e muore un astro, ripercorrendo, al contempo, l’avvincente storia dell’esplorazione umana del cosmo e spingendosi a tracciarne l’evoluzione futura e le possibili sfide per l’umanità.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Mercoledi) 09:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mer13mar11:15Viaggiando oltre il cielo11:15

Viaggiando oltre il cielo

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Incontro con Umberto Guidoni, astronauta, astrofisico, divulgatore scientifico e scrittore
Proiezioni multimediali e filmati originali

Un viaggio appassionante, attraverso le stelle
(e oltre), con uno dei più importanti astronauti italiani

Abbiamo appena iniziato a lambire gli spazi sconfinati del cosmo, e più ci inoltriamo nella sua esplorazione, con sonde lanciate oltre i confini del nostro sistema solare, con telescopi sempre più potenti e precisi e missioni sempre più avveniristiche, più comprendiamo quanto profondo e intatto resti il suo mistero.

Umberto Guidoni, grande protagonista delle imprese spaziali e primo europeo a salire sulla Stazione Spaziale Internazionale, racconta la sua esperienza di astronauta con la freschezza e la competenza di chi ha davvero toccato le stelle.

Con storie di prima mano, aneddoti, curiosità e grande capacità di divulgazione scientifica, spiega come si vive su una navetta spaziale, come nasce e muore un astro, ripercorrendo, al contempo, l’avvincente storia dell’esplorazione umana del cosmo e spingendosi a tracciarne l’evoluzione futura e le possibili sfide per l’umanità.

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Mercoledi) 11:15

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

ven15mar10:00ANCHE IN STREAMINGTutto quello che volevo10:00

Tutto Quello che volevo

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Storia di una sentenza

Spettacolo di e con Cinzia Spanò
Presentazione di Caterina Iagnemma, docente di Diritto Penale Università Cattolica

Come si può restituire a una ragazzina la libertà e la dignità che ha venduto per denaro? La storia vera della giudice Paola Di Nicola e di una storica sentenza che fu davvero diversa da tutte le altre

Fece molto scalpore qualche anno fa la storia di due ragazzine di 14 e 15 anni che si prostituivano dopo la scuola in un appartamento di viale Parioli. Il caso ebbe una fortissima eco mediatica anche per via dei clienti che frequentavano le ragazze, appartenenti alla “Roma-bene”, professionisti affermati e benestanti, insospettabili padri di famiglia. La storia che raccontiamo inizia quando la strada  della più piccola delle due ragazze incrocia quella della giudice Paola Di Nicola, chiamata a pronunciarsi su uno dei clienti della giovane, un professionista romano di circa 35 anni. La giudice, che deve esprimersi anche sul risarcimento del danno da destinare alla ragazza, si accorge subito che nessuna cifra potrà mai restituirle quello che le è stato tolto.

Inoltre: “Com’è possibile risarcire quello che ha barattato per denaro dandole altro denaro? In questo modo non si farebbe che rafforzare in lei l’idea che tutto è monetizzabile, anche la dignità.” La riflessione della giudice culmina con una sentenza di cui hanno scritto i giornali di tutto il mondo. “L’unico strumento capace di restituire dignità e libertà alla ragazza non è il denaro, ma qualcosa di molto più importante: la Conoscenza.”

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Venerdi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

ven15mar19:30Tutto quello che volevo19:30

Dettagli evento

PER I PRIVATI

INTERO € 15      –     RIDOTTO € 12

PER LE SCUOLE

RIDOTTO STUDENTI  € 12      –    DOCENTI ACCOMPAGNATORI GRATUITO

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Storia di una sentenza

Spettacolo di e con Cinzia Spanò
Presentazione di Caterina Iagnemma, docente di Diritto Penale Università Cattolica

Come si può restituire a una ragazzina la libertà e la dignità che ha venduto per denaro? La storia vera della giudice Paola Di Nicola e di una storica sentenza che fu davvero diversa da tutte le altre

Fece molto scalpore qualche anno fa la storia di due ragazzine di 14 e 15 anni che si prostituivano dopo la scuola in un appartamento di viale Parioli. Il caso ebbe una fortissima eco mediatica anche per via dei clienti che frequentavano le ragazze, appartenenti alla “Roma-bene”, professionisti affermati e benestanti, insospettabili padri di famiglia. La storia che raccontiamo inizia quando la strada  della più piccola delle due ragazze incrocia quella della giudice Paola Di Nicola, chiamata a pronunciarsi su uno dei clienti della giovane, un professionista romano di circa 35 anni. La giudice, che deve esprimersi anche sul risarcimento del danno da destinare alla ragazza, si accorge subito che nessuna cifra potrà mai restituirle quello che le è stato tolto.

Inoltre: “Com’è possibile risarcire quello che ha barattato per denaro dandole altro denaro? In questo modo non si farebbe che rafforzare in lei l’idea che tutto è monetizzabile, anche la dignità.” La riflessione della giudice culmina con una sentenza di cui hanno scritto i giornali di tutto il mondo. “L’unico strumento capace di restituire dignità e libertà alla ragazza non è il denaro, ma qualcosa di molto più importante: la Conoscenza.”

Orari

(Venerdi) 19:30

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

lun18mar10:00ANCHE IN STREAMINGLa linea Verga-Pirandello10:00

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Biografie, poetiche e qualche sondaggio testuale

Incontro con Paolo Di Sacco, autore di letterature per la Scuola secondaria, è stato docente di letteratura e lingua italiana presso l’Università Cattolica

A partire dalla visione del film La stranezza di Roberto Andò, la conferenza esplora il rapporto tra due autori fondamentali della nostra letteratura contemporanea

“Luigi mio, tu ti sei messo a camminare per una strada piena di pericoli, una strada che nessuno conosce, e non si sa neanche dove arriva. Tu hai messo una bomba sotto le fondamenta dell’edificio che noi, con fatica, abbiamo costruito: la realtà. E te ne stai lì impavido. Ma non sai più che sei.”

Due grandi siciliani, due scrittori saldamente ancorati alla loro terra natale, ma di respiro fortemente europeo.

Il rapporto tra loro stava realmente nei termini posti dalla citata scena di
La stranezza (un colloquio, peraltro, dovuto alla fantasia degli sceneggiatori, perché mai avvenuto in quel luogo e in quel momento)?

Davvero l’opera di Verga è costruita sull’“edificio” della “realtà”? E soprattutto: possiamo identificare una progressione che da Verga porta a Pirandello?

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Lunedi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mar19mar09:00ANCHE IN STREAMINGGiacomo Leopardi astronomo09:00

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Presentazione multimediale di Marco Bersanelli,
Dipartimento di fisica, Università degli Studi di Milano

Un astrofisico di fama internazionale dialoga con gli studenti intorno alle riflessioni cosmiche e ai temi esistenziali a partire dalle opere del celebre poeta

«Il fascino e la vertigine dell’immensità dell’universo catturò l’attenzione di Giacomo Leopardi fin dalla sua prima giovinezza, per poi diventare una nota fondamentale della sua poetica. Ma quanto era consapevole in lui, in termini scientifici, la visione astronomica del suo tempo? Quale concezione aveva dell’infinito, come possibile carattere dell’universo fisico?

«Leopardi a soli quindici anni scrisse un trattato di storia dell’astronomia, la “più sublime, la più nobile tra le scienze fisiche”. Nel cosmo secondo lui si rispecchiava la domanda ultima dell’uomo, sul significato della sua vita e del mondo, come vediamo ad esempio nel Canto notturno di un pastore errante dell’Asia. E d’altra parte Leopardi aveva colto come nell’essere umano c’è qualcosa di più grande dell’intero universo, che non può essere ridotto a nessuna misura. La ragione riconosce che ci sono eventi che i numeri non possono spiegare: come la nascita di un bambino, davanti a cui anche un miliardo di anni luce rimarrà sempre e soltanto un numero».

(Marco Bersanelli)

in collaborazione con

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Martedi) 09:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da

mer20mar10:00ANCHE IN STREAMINGWho's Romeo10:00

Biglietti

TIPO DI BIGLIETTO

- 0 +

- 0 +

- 0 +

- 0 +

Prezzo € 0,00

TOTALE € 0,00

Dettagli evento

Proiezione del film e incontro con il regista Giovanni Covini
con Valentina Malcotti, Rosario Lisma e Francesco Migliaccio
Marilyn Adjalo, Valentina Bogdan, Leonardo Carralero, Assala Chahhoub, Jacopo Cremona, Laila Migdadi

Periferia di Milano: Gratosoglio, un quartiere a maggioranza musulmana. Sei ragazzi, provenienti da famiglie di fedi religiose diverse, si confrontano con Romeo e Giulietta di Shakespeare

«L’idea di Who’s Romeo nasce il 14 luglio del 2016, quando a Nizza un uomo alla guida di un autocarro travolge la folla che passeggia sulla Promenade des Anglais. La guerra fra due civiltà era sbarcata su un lungomare romantico seminando la morte. Sentivo il bisogno di incontrare dei giovani di entrambe le civiltà. Civiltà che si erano poste l’una contro l’altra come schieramenti ma che rimanevano di per sé espressioni di grandi culture. Anche Montecchi e Capuleti erano due grandi famiglie che si erano poste in guerra. E anche in quel caso la guerra travolse l’amore dei giovani.
Il film è il racconto di questo viaggio. Sei ragazzi del Gratosoglio, quartiere della periferia sud di Milano a maggioranza islamica, in parte cristiani in parte musulmani, in parte credenti e in parte no, affrontano guidati da una giovane regista la lettura di Romeo e Giulietta di Shakespeare. È così che sei estranei diventano un gruppo di amici. Atto per atto, Shakespeare viene letto, discusso, provato, recitato. La sua forza conduce i ragazzi a incontrare persone adulte dei più diversi mondi culturali e sociali. Li spinge ad aprirsi, a confidare e a confessare le speranze e i dolori che hanno nel cuore.»

(Giovanni Covini)

una produzione

Per richiedere “attestazione di presenza” devi eseguire il login o registrarti. Login | Registrati

Orari

(Mercoledi) 10:00

Luogo

Centro Culturale Asteria

Piazzale Francesco Carrara, 17, 20141 Milano

Evento organizzato da