fbpx
5xMille

DONA IL TUO 5xMILLE

5xMILLE per sostenere la cultura!

Ci sono 5xMILLE buoni motivi per sostenere l’attività culturale e artistica del nostro paese.

Anche quest’anno puoi contribuire a sostenere i nostri progetti artistici, culturali e sportivi, destinando il tuo 5xMille al Centro Asteria.

PERCHÈ AIUTARCI?

Nell’ultimo anno abbiamo compreso a fondo il valore della condivisione. Seppure sia possibile fruire di contenuti artistici, culturali e di intrattenimento anche individualmente (e per fortuna è stato possibile farlo quando non si avevano alternative) è nella condivisione che l‘arte sprigiona tutte le sue più belle sfumature e diventa un’esperienza avvolgente e arricchente.

Per questo abbiamo deciso di proseguire con il nostro lavoro per garantire la possibilità a tutti di continuare a vivere di arte, cultura e sport. Perchè è vero, forse non sono attività “essenziali” per la nostra vita, ma sono essenziali per viverla al meglio.

COSA FAREMO CON IL TUO 5XMILLE

Continuare a offrire spettacoli teatrali, dando spazio e lavoro anche a giovani attori e giovani compagnie. In questo modo, speriamo di contribuire alla ripresa della filiera teatrale.

Riaccendere il nostro proiettore e ridare spazio alla nostra rassegna cinematografica estiva, per godere dei più bei film all’aria aperta.

Camp Estivo per aiutare i genitori a organizzare il tempo libero dei propri figli, in un ambiente dinamico e stimolante sia dal punto di vista motorio che artistico.

Continuare a pensare all’oggi con uno sguardo sul futuro, organizzando una stagione 2021/22 ricca di eventi, visite guidate, festival artistici e sportivi.

COME FARE PER AIUTARCI?

Se condividete la nostra “missione” e desiderate sostenerci, anche quest’anno potete darci direttamente il vostro appoggio decidendo di destinare il 5xMille dell’IRPEF a favore del Centro Culturale Asteria: è sufficiente firmare nell’apposito riquadro della dichiarazione dei redditi e scrivere il codice fiscale del Centro:

97414890158

Visite guidate Monumentale Milano

Visite Guidate al Monumentale

Visite guidate al Monumentale di Milano: due appuntamenti

Ripartono le visite guidate alla scoperta delle bellezze artistiche di Milano con due nuovi appuntamenti al Monumentale di Milano, vero e proprio luogo artistico oltre che di culto.

IL CIMITERO MONUMENTALE

cimitero monumentale - Visite guidate

Il Cimitero Monumentale è uno dei tanti luoghi artistici, culturali e di culto punto di riferimento per i milanesi e non solo. Più che essere un cimitero, infatti, il Monumentale rappresenta un vero e proprio inno alla milanesità, all’arte e a coloro che hanno reso grande Milano: in poche parole, un vero e proprio luogo storico della città.

Il suo patrimonio artistico, storico, culturale e spirituale si presta a numerosi itinerari. Noi del Centro Asteria ti proponiamo due visite guidate al Monumentale complementari: un percorso artistico, maggiormente incentrato sulle opere artistiche e le sculture contenute al suo interno, e un percorso storico, volto ad approfondire aspetti storici e culturali.

CIMITERO MONUMENTALE: PERCHÈ VISITARLO

Il Cimitero Monumentale nacque nel 1866 come cimitero aperto a tutti i milanesi, grazie all’architetto Carlo Maciachini.
L’architettura del cimitero rispecchia in pieno le tendenze della seconda metà dell’Ottocento: si possono distinguere forme del Gotico, del Romanico lombardo e inserti Bizantini. Per questo motivo spesso ci si riferisce al Monumentale come luogo di riferimento artistico prima ancora che spirituale: al suo interno è possibile ripercorrere un tratto di storia che, nel resto della città, ha lasciato spazio alla modernità.

UN MUSEO A CIELO APERTO

Proprio per l’importanza storico, artistica, architettonica e culturale, l’archeologo e docente di storia dell’arte Lodovico Zana a maggio guiderà due visite guidate all’interno del Monumentale con due itinerari affascinanti, per permettere di scoprire capolavori di straordinaria suggestione.

IL FAMEDIO

Il Famedio, o “Tempio della Fama”, è posizionato di fronte all’ingresso del Monumentale. Originariamente progettato da Maciachini con la funzione specifica di cappella cattolica, l’edificio viene destinato a luogo di sepoltura, celebrazione e ricordo dei milanesi (compresi gli ospiti e i cittadini onorari) che attraverso opere e azioni hanno reso illustre la città e l’Italia.

Nel Famedio sono ospitati i resti di soli sette personaggi: Alessandro Manzoni, il primo ad essere traslato nel Famedio, nel 1883, a dieci anni dalla sua morte, Carlo Cattaneo, Luca Beltrami, Salvatore Quasimodo, Carlo Forlanini, Bruno Munari e Leo Valiani.
Nella cripta del Famedio sono ricordati personaggi di spicco come Aldo Aniasi, Guido Crepax, Dario Fo e Franca Rame, Ambrogio Fogar, Giorgio Gaber, Paolo Grassi, Enzo Jannacci, Duilio Loi, Alda Merini, Giovanni Raboni.

VISITE GUIDATE AL MONUMENTALE

Cimitero Monumentale - visita guidata

16 MAGGIO | ORE 15-18

ITINERARIO ARTISTICO

L’itinerario pone l’accento sul lato artistico del cimitero Monumentale, scoprendo artisti e scultori, in alcuni casi molto noti, come ad esempio Giannino Castiglioni e Lucio Fontana), che hanno creato sculture, statue, monumenti architettonici di grande pregio e bellezza.

Cimitero Monumentale - opere artistiche per la visita guidata

30 MAGGIO | ORE 15-18

ITINERARIO STORICO

Un percorso storico grazie al quale si indagherà la storia di Milano e dell’Italia attraverso la vita dei tanti uomini illustri (generali, poeti, letterati, imprenditori), che sono sepolti presso il museo Monumentale di Milano.

DOVE

RITROVO SUL LUOGO DELLA VISITA

ORARIO

h. 15.00

€ 10 comprensivo del noleggio dell'audioguida personale

Biglietti acquistabili anche online

HAI DELLE DOMANDE?

Tel. 028460919

Lun – ven | 9.00 – 18.00

Seguici sui nostri Social e rimani aggiornato

Ateliers delle arti 2021

Ateliers delle Arti 2021

Ateliers delle Arti 2021 - Arte e Formazione

Anche nel 2021 l'Atelier delle Arti si fa in quattro: quattro appuntamenti in luoghi meravigliosi del nostro paese per parlare dell'Arte con Maestri e Artisti

Ateliers delle Arti 2021 – il nuovo programma

Arte e Formazione in quattro luoghi meravigliosi
Anche nell’estate 2021 l’Ateliers delle Arti allarga la sua proposta artistico formativa, organizzando quattro appuntamenti in meravigliosi luoghi di quattro regioni d’Italia per parlare delle diverse forme espressive dell’arte, insieme ad artisti e maestri.

Direzione Artistica del Poeta Davide Rondoni, con la collaborazione di Ilaria Anna Lucini – AltaMentefactory.

Perchè l'arte sia sempre Rinascita

A chi è rivolto?

Gli appuntamenti previsti dagli Ateliers delle Arti 2021 sono rivolti a docenti, studenti e tutti coloro che amano l’arte nelle sue diverse declinazioni e che desiderano aggiornarsi e discutere delle sue molteplici forme espressive insieme a Maestri e ad Artisti.

Arte e formazione MIUR

I docenti che desiderano partecipare a un appuntamento (o più di uno) degli Ateliers delle Arti 2021 potranno richiedere e ricevere dal Centro Asteria l’Attestato di Formazione riconosciuto dal MIUR.

I quattro appuntamenti:

Atelier delle arti 2021 - Bertinoro
Atelier delle arti- L'Aquila
Ateliers delle arti 2021 - Grosseto
Policoro - Atelier delle Arti

Come partecipare?

Clicca sull’Atelier di tuo interesse e contatta direttamente l’ente organizzatore tramite email. Ti verranno fornite tutte le indicazioni su costi, pernottamento e dettagli del programma.

Per info su costi e modalità di partecipazione scarica la brochure!

Carta del Docente | 18APP

Gli Ateliers delle Arti sono spendibili con Carta del Docente e Bonus 18APP. 
Contatta direttamente il Centro Asteria SOLO se vuoi utilizzare queste forme di pagamento, per qualsiasi Atelier delle Arti proposto.
Richiedi informazioni a [email protected] oppure iscriviti compilando il form QUI.

Facciamo Rete!

“L’unione fa la forza” è una regola che vale in tutti i campi. Quest’anno più che mai “stare insieme” e “fare rete” acquistano maggiore significato, dando luogo a collaborazioni tra enti, attività e persone mossi da un unico obiettivo comune: fare il proprio meglio per continuare a proporre contenuti artistici e culturali di alta qualità formativa.

Quest’anno, essendo gli Ateliers delle Arti degli eventi estesi in diversi luoghi a livello nazionale, sono realizzati grazie alla collaborazione con:

Hai bisogno di aiuto?
Scrivi a [email protected]

Focus Good Books

Paola Bigatto “Audizioni per le scuole di teatro” | Good Books

GOOD BOOKS

Incontri con libri e autori

“Audizioni per scuole di teatro. Piccola guida per giovani aspiranti attori”

13 maggio 2021 | ore 19.00

Live streaming gratuito

Presentazione del libro “Audizioni per le scuole di teatro. Piccola guida per giovani aspiranti attori” di Paola Bigatto, in diretta streaming dal teatro del Centro Asteria con Paola Bigatto, attrice, regista e formatrice teatrale, e Massimiliano Speziani, attore e formatore teatrale.

Paola Bigatto - Good Books

Cercare di entrare in una scuola di teatro professionale può risultare molto complicato e spesso il motivo dell’insuccesso dei giovani aspiranti attori non è da ricercare esclusivamente nella qualità dell’interpretazione del monologo scelto. Accade spesso infatti, che la commissione non riesca a valutare la bravura dei giovani aspiranti attori per motivi di inaccessibilità: il candidato non si fa guardare nel modo corretto, sia per motivi psicologici personali, che per motivi tecnici.

«Se solo tu mi avessi guardata, mi avresti amata» O. Wilde, Salomè

A CHI È RIVOLTO

L’evento è rivolto a giovani appassionati che desiderano avviare un percorso di formazione professionalizzante in ambito teatrale. Come ricorda Paola Bigatto, le percentuali tra chi sostiene l’audizione e chi viene ammesso ai corsi varia a seconda della scuola, ma solitamente le classi non superano le 25 unità.
Un caso eclatante: nel 2017 la scuola del Piccolo Teatro di Milano ha ricevuto 1.061 domande, ma solo 26 ammessi al corso.

SCUOLE DI TEATRO PROFESSIONALE VS. PROPEDEUTICA

Ogni scuola di teatro ha il proprio stile e le proprie caratteristiche, per questo è importante scegliere con cura quella più adatta ai propri interessi e alle proprie attitudini.
Ma non solo! Il nostro paese è ricco di scuole di teatro, e non tutte sono professionali: nella scelta della scuola è importante valutare anche aspetti tecnici e strutturali, come il numero complessivo di ore annuali, numero di docenti e il riconoscimento del titolo di studio finale.

Se vuoi intraprendere un percorso formativo professionale, Paola Bigatto e Massimiliano Speziani hanno dei consigli per te.

BREVI BIOGRAFIE

Paola Bigatto. Attrice, regista, drammaturga, ha preso parte a spettacoli diretti da Luca Ronconi, e deve la sua formazione drammaturgica a Renata Molinari, con la quale ha scritto L’attore civile (Titivillus 2012). Collabora con il Centro Asteria di Milano, dove porta in scena da anni il monologo La banalità del male, da Hannah Arendt. Insegna Recitazione presso la Scuola del Piccolo Teatro di Milano, l’Accademia Teatrale Veneta (Modello Teseo), l’Accademia dei Filodrammatici e la scuola Iolanda Gazzerro dell’ERT.

Massimiliano Speziani. Premio Hystrio all’Interpretazione 2018, tra i molti recita diretto da Giancarlo Cobelli, Luca Ronconi, Massimo Castri, Federico Tiezzi, Mario Martone, Lorenzo Loris, Alessandro Genovesi. All’attività teatrale alterna con sempre più attenzione quella didattica, in collaborazione con Gabrielli e Molinari, e quella radiofonica; durante il primo lockdown crea e porta avanti l’esperienza di Teatro in Condominio, nello stabile in cui abita, ne nasce uno spettacolo “Nessun Miracolo a Milano”.

COME PREPARARE UN'AUDIZIONE?

Gli elementi da tenere in considerazione in fase preparatoria di un’audizione teatrale sono molteplici e spaziano dalla scelta di un dialogo o un monologo (e quelli da evitare), alla preparazione psicofisica. In diretta streaming Paola Bigatto, insieme a Massimiliano Speziani, approfondirà le diverse tematiche trattate nel suo libro: gli errori più comuni da evitare, i passi fondamentali per affrontare l’audizione, la scelta dei testi e la valutazione della scuola professionale alla quale presentarsi, temi affrontati nel libro attraverso autorevoli interviste con Direttori e insegnanti delle più note scuole professionali di teatro in Italia.

SCUOLE DI TEATRO COINVOLTE NELLA SCRITTURA DEL LIBRO

Accademia Teatrale Carlo Goldoni, Scuola Teatrale d’Eccellenza del Teatro Stabile del Veneto, Scuola per Attori “Orazio Costa” – Teatro della Toscana, Scuola di Teatro “Luca Ronconi” del Piccolo Teatro di Milano, Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe, Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi, Scuola di recitazione del Teatro Stabile di Genova, Accademia dei Filodrammatici, Scuola del Teatro Stabile di Torino, Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico

Audizioni per le scuole di teatro - Paola Bigatto

Molti giovani amano il teatro e vogliono diventare attori e la prima cosa per farlo è iscriversi a una scuola professionale. Ma quando si è dilettanti e si vogliono superare gli esami di accesso a queste scuole bisogna sapere come prepararsi al provino, il che occupa molti mesi di lezioni private e impegno personale.

Leggi di più

Evento realizzato grazie alla collaborazione con Dino Audino Editore

Incontro proposto all’interno della rassegna di BookCity Milano – La Lettura Intorno.

Bookcity Milano

COME PARTECIPARE

L’evento si realizzerà in modalità live streaming sul canale Vimeo del Centro Asteria. Per poter partecipare è necessario iscriversi compilando il form online (il link verrà inviato automaticamente).

Iscrivendosi si avrà l’opportunità di intervenire durante la presentazione e interagire con l’autrice.

CONTATTACI

Tel. 028460919

Lun – ven | 9.00 – 18.00

qualunque cosa succeda

Qualunque cosa succeda | Evento gratuito

QUALUNQUE COSA SUCCEDA

L'uomo che affrontò il caso Sindona

Evento gratuito per le scuole

12 marzo 2021 – ore 10.00/12.00

in diretta streaming dal Teatro del Centro Asteria di Milano
incontro testimonianza con Umberto Ambrosoli, figlio di Giorgio Ambrosoli, e Daniela Mainini, Avvocato e Presidente del Centro Studi grande Milano

In occasione della “Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime delle mafie, istituita grazie all’Associazione Libera per tenere viva la memoria di tutte le vittime innocenti delle mafie, del terrorismo e del dovere, il Centro Asteria desidera offrire a tutte le scuole la possibilità di partecipare gratuitamente all’incontro “Qualunque cosa succeda” con Umberto Ambrosoli, nella convinzione che un cambiamento è possibile solo attraverso il coinvolgimento attivo dei giovani, stimolando una riflessione critica sull’oggi.

Qualunque cosa succeda

«È indubbio che, in ogni caso, pagherò a molto caro prezzo l’incarico: lo sapevo prima di accettarlo e quindi non mi lamento affatto perché per me è stata un’occasione unica di fare qualcosa per il paese. […] Qualunque cosa succeda, comunque, tu sai che cosa devi fare e sono certo saprai fare benissimo.» Giorgio Ambrosoli

GIORGIO AMBROSOLI

Chi era Giorgio Ambrosoli?

È il settembre ’74 quando Giorgio Ambrosoli viene nominato liquidatore della Banca Privata Italiana di Michele Sindona, fallita per bancarotta fraudolenta: periodo in cui il banchiere siciliano era considerato un finanziere sulla cresta dell’onda, giudicato da Andreotti il “salvatore della lira”, quindi uomo di grande rilievo nel mondo della politica italiana, affiliato alla loggia P2.

Sono passati 42 anni da allora, ma la sua figura è ancora un esempio di uomo integro che diede la vita per il bene del nostro Paese.

Biografia

Umberto Ambrosoli si è laureato in giurisprudenza all’Università degli Studi di Milano con una tesi dal titolo «La criminalità informatica nel sistema bancario italiano – Profili criminologici», ed è divenuto avvocato penalista. È stato nominato dalla Banca d’Italia in tre comitati di sorveglianza in procedure di rigore relative ad istituiti e società lombarde. Nel 2009 ha pubblicato il libro Qualunque cosa succeda, che narra la vicenda del padre, l’avvocato Giorgio Ambrosoli, assassinato l’11 luglio 1979 da William Joseph Aricò, un sicario assoldato dal banchiere Michele Sindona. Nel 2010 il libro è stato vincitore del premio Tiziano Terzani e, precedentemente, del premio Capalbio.

Nel novembre del 2009 ha altresì ricevuto il premio Laureato Benemerito da Algiusmi, l’associazione dei laureati in giurisprudenza dell’Università Statale di Milano.
Nel 2011 diventa membro del comitato di esperti per lo studio e la promozione di attività finalizzate al contrasto dei fenomeni di stampo mafioso e della criminalità organizzata sul territorio milanese, presieduto da Nando dalla Chiesa. Sempre nel 2011, all’atto di costituzione dell’Associazione Civile Giorgio Ambrosoli, assume la carica di presidente onorario.

«Mio padre ha fatto della propria vita qualcosa che serviva alla collettività, in quello che stava facendo ha trovato la possibilità di affermazione dei propri valori di vita, quindi la storia di mio padre non è una storia di un eroe o di una vittima. Ma la storia di un uomo integro che, prima dell’affermazione della propria individualità, ha posto il bene comune.»

COME PARTECIPARE

L’evento si realizzerà in modalità live streaming sul canale Vimeo del Centro Asteria. Per poter accedere al contenuto è necessario iscriversi compilando il form online; entro 24 ore dall’evento verranno inviate le credenziali d’accesso da poter condividere con i partecipanti.

Dibattito: l’incontro-testimonianza terminerà con un momento di dibattito interattivo. Verrà fornito a tutti i partecipanti un numero WhatsApp da utilizzare per scrivere le domande in diretta.

La partecipazione è rivolta alle scuole secondarie di I grado (classi terze) e di II grado, con possibilità di partecipazione individuale.

ATTESTATO

Essendo il Centro Asteria soggetto di per sé accreditato per la Formazione, i docenti partecipanti potranno richiedere gratuitamente l’attestato di formazione docenti con riconoscimento MIUR per ogni singolo incontro (2 ore di attività formativa).

L’evento “Qualunque cosa succeda” è realizzato grazie alla collaborazione con Centro Studi Grande Milano

CONTATTACI

Tel. 028460919

Lun – ven | 9.00 – 18.00

Ondina Valla

Uno spettacolo per il Goal 5 Agenda 2030

Ondina Valla - Oltre ogni ostacolo

Uno spettacolo teatrale per approfondire il Goal 5 dell'Agenda 2030 attraverso la storia di Ondina Valla

8 marzo 2021 – in diretta dal Teatro del Centro Asteria

Spettacolo di Lisa Capaccioli, con Lorenza Fantoni

Cosa significava essere donna e atleta sotto il dominio fascista?

Donna e atleta: un binomio che nel passato ha destato clamori e disapprovazione. Cosa significa gareggiare, per una donna, in una società in cui alle donne era concesso ben poco?

In occasione della Giornata della Donna, l’8 marzo alle ore 10 andrà in scena, in diretta streaming dal teatro del Centro Asteria per le scuole secondarie di I e II grado di tutta Italia, lo spettacolo teatrale Ondina Valla. Oltre ogni ostacolo, una data simbolo per approfondire il Goal 5 dell’Agenda 2030 attraverso la storia di una donna che portò alta la bandiera italiana nel mondo sportivo sotto il dominio fascista: Trebisonda Valla.

Ondina Valla

Sinossi

Ondina Valla. Oltre ogni ostacolo

Una produzione Centro Asteria – Genere Edudrama

Una donna e un’atleta sullo sfondo dell’Italia nel pieno dei conflitti mondiali e della dittatura fascista. Una vittoria olimpica, ma soprattutto un’affermazione ed emancipazione del genere femminile.

Trebisonda Valla, detta Ondina (1916-2006), pioniera dell’atletismo femminile italiano, è la prima a salire sul podio olimpico:

alle Olimpiadi di Berlino del 1936 vince la medaglia d’oro negli ottanta metri a ostacoli e stabilisce il record mondiale di 11’’6. L’oro olimpico conferisce a Ondina immensa popolarità, divenendo simbolo per le ragazze italiane, e simbolo per il regime, di “sana e robusta costituzione”.

Introduzione e dibattito con Andrea Bienati, docente di Storia e Didattica della Shoah e direttore della didattica SSML LIMEC, e Luigi De Lucchi, figlio di Ondina Valla e Claudia Giordani, Olimpionica, giornalista e dirigente sportiva. Per l’occasione sarà con noi anche Linda Olivieri, atleta specialista nei 400 metri ostacoli.

OSPITI

Andrea Bienati

Docente di Storia e Didattica della Shoah e direttore della didattica SSML LIMEC

(Roma, 27 ottobre 1955) è una dirigente sportiva ed ex sciatrice alpina italiana. Vincitrice di una medaglia d’argento olimpica e iridata e di tre gare di Coppa del Mondo, fu un’atleta di punta della nazionale italiana femminile degli anni settanta (la “Valanga rosa”).

Il papà è originario di Torino e quindi Linda è nata nel capoluogo piemontese ma è cresciuta a Novara, la città della mamma. Da piccolissima aveva già provato con l’atletica, poi era approdata per quattro anni al judo. L’ambiente della palestra non le sembrava così stimolante come quello della pista e così nel 2010 si è nuovamente ritrovata sul campo, complice l’incontro con l’ex ostacolista Gianluca Camaschella. Anche Linda ha sempre avuto un buon feeling con le barriere (terza sui 300hs nella rassegna tricolore cadette del 2013) e dopo essere migliorata nella velocità di base ha mancato sui 400hs l’ingresso nella finale mondiale under 18 del 2015 per pochi centesimi. Dal settembre 2016 si allena con il tecnico lombardo Giorgio Ripamonti, prima a Monza e poi a Brugherio e a Giussano. Nel 2017 ha sfiorato il podio agli Europei under 20 (seconda junior azzurra di sempre con 57.00). Nel 2019 è scesa sotto i 56 secondi (55.97 a La-Chaux-de Fonds) prima dell’argento agli Europei U23 di Gavle, dove è stata superata in rimonta sul traguardo. Diplomata al liceo psicopedagogico, studia architettura al Politecnico di Milano.

SVOLGIMENTO

Per partecipare allo spettacolo Ondina Valla. Oltre ogni ostacolo, realizzato in modalità live streaming in diretta dal teatro del Centro Asteria di Milano, è necessario contattare telefonicamente l’ufficio didattico al numero 02.8460919. A seguito della conferma della prenotazione, entro 24 ore dall’inizio dell’evento, verrà inviato tramite e-mail il link per partecipare.

ATTESTATO DI PARTECIPAZIONE MIUR

Essendo il Centro Asteria soggetto di per sé accreditato per la Formazione, i docenti partecipanti potranno richiedere gratuitamente l’attestato di formazione docenti con riconoscimento MIUR per ogni singolo incontro (2 ore di attività formativa).

COME PARTECIPARE

É possibile partecipare sia al singolo incontro che al ciclo completo (scelta consigliata), compilando il form online al seguente link. Riceverà il link 24 ore prima dell’inizio dell’incontro.

Dibattito online garantito: gli studenti potranno partecipare al dibattito in diretta scrivendo al numero WhatsApp 3313077779

Gli incontri sono aperti anche alla partecipazione individuale, previa iscrizione online (obbligatoria).

CONTATTACI

Tel. 028460919

Lun – ven | 9.00 – 18.00

Divina Commedia - BIBBIA NELLA SELVA

Per una lettura della Divina Commedia

La Bibbia nella Selva

PER UNA LETTURA DELLA DIVINA COMMEDIA

MARZO/MAGGIO – in diretta dal Teatro del Centro Asteria

Ciclo di matinée gratuite per una lettura della Divina Commedia

Partecipazione gratuita per scuole e privati

Nell’anno delle grandi celebrazioni per i 700 anni dalla scomparsa del Sommo Poeta, sono molte le occasioni offerte dal mondo culturale per ripercorrere i testi danteschi e in particolare la Divina Commedia attraverso approcci originali. Una delle chiavi di lettura che consente di estendere la mera indagine letteraria al contesto culturale, sociale e religioso dell’epoca è la stretta connessione con i testi sacri della Bibbia.

Nella lettura dei versi della Commedia, letteratura e spiritualità si intersecano, facendo emergere le riflessioni di Dante in quanto uomo del suo tempo: il concetto di infinito, l’idea di corpo materiale e sensibile, l’amore, l’arte, la poesia e la bellezza.

Da qui nasce “La Bibbia nella Selva“.

divina commedia - La Bibbia nella selva

LA BIBBIA NELLA SELVA

Per una lettura della Divina Commedia
Ore: 10-12
A partire dal 5 marzo

Quattro incontri tra marzo e maggio 2021 dedicati alle scuole secondarie di secondo grado ma aperte anche alla partecipazione individuale

Quattro incontri con noti dantisti, docenti universitari, critici letterari ed esperti biblici, per leggere la Divina Commedia.

SVOLGIMENTO

Gli incontri, realizzati in modalità live streaming in diretta dal teatro del Centro Asteria di Milano, ripercorrono alcuni tra i più significativi canti della Commedia per effettuarne un’analisi storica, artistica, letteraria e spirituale, e comprendere più ampiamente il contesto culturale e religioso che ispirò il processo creativo di Dante.

Ogni incontro, della durata di due ore (10-12), vedrà la lettura e l’analisi di un canto dantesco e di alcuni brani biblici come punto di partenza per una riflessione tematica di volta in volta differente, che coinvolgerà diverse discipline (letteratura, arte, filosofia ecc.).

COME PARTECIPARE

É possibile partecipare sia al singolo incontro che al ciclo completo (scelta consigliata), compilando il form online al seguente link. Riceverà il link 24 ore prima dell’inizio dell’incontro.

Dibattito online garantito: gli studenti potranno partecipare al dibattito in diretta scrivendo al numero WhatsApp 3313077779

Gli incontri sono aperti anche alla partecipazione individuale, previa iscrizione online (obbligatoria).

ATTESTATO

Essendo il Centro Asteria soggetto di per sé accreditato per la Formazione, i docenti partecipanti potranno richiedere gratuitamente l’attestato di formazione docenti con riconoscimento MIUR per ogni singolo incontro (2 ore di attività formativa).

Divina Commedia - La bibbia nella selva | primo incontro

‘Te lucis ante’ sì devotamente

5 marzo: L’uomo e l’infinito

Dialogano: Natascia Tonelli e don Marco Ballarini

Moderatore: Luca Crippa

Testo dantesco: Purgatorio VIII

Testi biblici: Salmo 113 – Salmo 51

Leggi la sinossi dell’incontro

Divina Commedia | La bibbia nella selva | secondo incontro

Come La carne gloriosa e santa

19 marzo: Corpo e corporeità

Dialogano: Pasquale Porro e Giusi Quarenghi

Moderatore: don Dario Balocco

Testo dantesco: Paradiso XIV

Testi biblici da: Genesi 2 – Cantico dei Cantici 5.7 – 2Samuele 21 – Ezechiele 37 – Salmo 139

Leggi la sinossi dell’incontro

Divina Commedia | La Bibbia nella selva | terzo incontro

Ma solo un punto fu quel che ci vinse

16 aprile: Amore e colpa

Dialogano: Donato Pirovano e fra Roberto Pasolini

Moderatore: don Paolo Alliata

Testo dantesco: Inferno V

Testo biblico: Lc 7,36-50

Divina Commedia | La Bibbia nella selva | quarto incontro

La bellezza ch’io vidi si trasmoda

14 maggio: Poesia, arte, bellezza

Dialogano Lina Bolzoni e Alessio Monciatti (storico dell’arte)

Moderatore: Natale Benazzi

Testo dantesco: Paradiso XXX

Immagini da commentare: Giudizio Universale, Firenze, Battistero (Inf. XIX 13-18)  /  Arnolfo di Cambio, Annunciazione (Purg. X 28ss.)

EVENTO IN RETE

L’iniziativa “La Bibbia nella selva”, nata grazie alla collaborazione tra Centro Asteria, Synesio – La tenda delle idee, con il patrocinio di Società Dantesca Italiana e con il supporto di Arcidiocesi di Milano, Biblioteca Ambrosiana, Fondazione la Vincenziana e Fom, è offerta gratuitamente a tutte e scuole secondarie di secondo grado cattoliche d’Italia, aperta anche alla partecipazione individuale.

Tel. 028460919

Lun – ven | 9.00 – 18.00

Banalità del Male

La banalità del male | Giornata della memoria

Lo spettacolo "La Banalità del Male" per la Giornata della Memoria

Spettacolo teatrale disponibile in streaming fino al 31 gennaio

A 76 anni dalla liberazione dei campi di concentramento, il mondo continua a ricordare. Il 27 gennaio si celebra il Giorno della Memoria e il Centro Asteria vuole proporvi l’occasione di riflettere su ciò che è accaduto attraverso lo spettacolo teatrale “La Banalità del Male“, di e con Paola Bigatto, tratto dal saggio di “Hannah Arendt”.

s. La Banalità del male

LA BANALITÀ DEL MALE

Spettacolo teatrale di e con Paola Bigatto, per approfondire il celebre saggio della filosofa tedesca, Hannah Arendt, dimostrando come il male spesso nasca dalla mancanza di idee e dall’inerzia del pensiero.

fino al 31 gennaio

Biglietto scontato €8

Quella lontananza dalla realtà e quella mancanza di idee possono essere molto più pericolose di tutti gli istinti malvagi che forse sono innati nell’uomo.

Hannah Arendt

Lo spettacolo

La banalità del male

Sinossi

11 aprile 1961: a Gerusalemme inizia il processo a Otto Adolf Eichmann, il tenente colonnello delle SS che durante il nazismo si occupò dell’organizzazione logistica dello sterminio. Hannah Arendt segue le centoquattordici udienze come inviata del “The New Yorker”, e nel 1963 dà alle stampe La banalità del male, dove raccoglie e rielabora gli articoli scritti per la rivista.

L’attrice Paola Bigatto trasforma il saggio in una lezione, immaginando che Hannah Arendt, professoressa di filosofia politica all’università di Chicago nell’autunno del 1963, consegni ai suoi allievi i temi filosofici e le notizie storiche di cui è ricca La banalità del male, insieme ai temi etici che caratterizzano il testo: l’obbedienza come alibi di coloro che hanno di fatto appoggiato la scelta dello sterminio, la capacità di pensare come unico antidoto al male banale: la riflessione e la formazione di una coscienza etica amplificano la percezione della nostra libertà e della nostra possibilità di attuare il bene.

Biografia Paola Bigatto

Diplomata alla Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi e laureata in filosofia presso l’Università di Genova.

Ha lavorato con i principali registi per i più prestigiosi enti teatrali italiani, debuttando con Giancarlo Cobelli.

È attrice in una lunga serie di spettacoli diretti da Luca Ronconi, tra cui Gli ultimi giorni dell’umanità di K.Kraus; Il sogno di A.Strindberg, Quel che sapeva Maisie di H James. Ha recitato con il Teatro delle Albe di Ravenna in Sterminio di W.Schwab.

È allieva e collaboratrice della drammaturga Renata Molinari, con la quale ha realizzato Passi (CRT-ETI e Teatro di Roma), un percorso a piedi da Piacenza a Roma lungo la via Francigena.

Nel 2003 debutta in La banalità del male da Hannah Arendt, monologo ancora oggi in scena. Insegna dizione poetica e recitazione presso la Scuola d’Arte Drammatica Paolo Grassi di Milano, presso L’Accademia teatrale Nico Pepe di Udine e la Scuola del Piccolo Teatro di Milano.

Informazioni

Lo spettacolo sarà disponibile dal 25 gennaio fino al 31 gennaio (compreso). E’ possibile acquistare il biglietto tramite pagamento PayPal, Bonifico Bancario o Carta del Docente/18APP:

  • Con pagamento PayPal, riceverai entro breve il link tramite email a seguito della transizione.
  • Con Bonifico Bancario, riceverai il link a seguito della verifica dell’effettivo versamento (o a seguito della ricezione della ricevuta di pagamento, da inviare a [email protected])
  • Con Carta del Docente/18APP, riceverai il link a seguito dell’invio del voucer a [email protected]

Tel. 028460919

Lun – ven | 9.00 – 18.00

Giornata della memoria

“Il Memorioso” per la Giornata della Memoria

Lo spettacolo "Il Memorioso" per la Giornata della Memoria

Un evento in Live Streaming per la Giornata della Memoria 2021

In occasione della Giornata della Memoria 2021 invitiamo tutte le Scuole d’Italia ad avviare insieme ai propri studenti una riflessione profonda sulla necessità di continuare a ricordare il Bene fatto da chi, nelle situazioni più estreme, ha avuto il coraggio di aiutare il prossimo anche a discapito della propria vita.

L’appuntamento è per giovedì 28 gennaio alle ore 10 con Il Memorioso, spettacolo teatrale scritto a quattro mani dall’attore Massimiliano Speziani insieme all’attrice e regista Paola Bigatto, che ne curò la regia sugli scritti di Gabriele Nissim.

Il Memorioso - Giornata della Memoria

IL MEMORIOSO – BREVE GUIDA A DISTANZA ALLA MEMORIA DEL BENE

28 gennaio, ore 10.00

Evento gratuito
Partecipa con la tua classe: iscrizione online

Possibilità di richiedere l’attestato di formazione docenti con riconoscimento MIUR

Evento realizzato da Associazione Giardino dei Giusti di Milano, con la collaborazione del Centro Asteria

Interverranno:
Lamberto Bertolé, Presidente del Consiglio comunale di Milano
Gabriele Nissim, Presidente di Gariwo
Emanuele Fiano, Onorevole, figlio di Nedo Fiano, sopravvissuto al campo di concentramento di Auschwitz

Lo spettacolo

Chi sono i Giusti? Perchè dobbiamo continuare a ricordali?

I Giusti sono persone che hanno scelto di agire per il bene comune, anche a discapito della propria vita. Sono coloro che, con le proprie azioni hanno rappresentato una piccola fiamma nei momenti bui della Storia, consentendo che non si perdesse la fiducia nell’uomo.

Sinossi

In scena un conferenziere ispirato alla figura di Moshe Bejski, Presidente della commissione dei Giusti dal 1970 al 1995 allo Yad Vashem (l’ente nazionale israeliano per la memoria della Shoah). Un ostinato archivista del Bene cataloga la memoria dei Giusti e le loro storie esemplari quanto drammatiche e controverse, rovista arruffato in un archivio dai confini incerti, fatto di scatole, carte e faldoni su di una scrivania perennemente in disordine.

Biografia Massimiliano Speziani

Premio Hystrio all’Interpretazione 2018, recita diretto da Giancarlo Cobelli, Luca Ronconi, Massimo Castri, (per la La Vita è Sogno riceve il premio Coppola Prati 1992), con la Compagnia Katzenmacher di Alfonso Santagata (Petito Strenge, premio Ubu 1997), Federico Tiezzi, Mario Martone, Lorenzo Loris, Alessandro Genovesi (Happy Family).

Al Piccolo recita in Nathan il Saggio e Giulio Cesare per la regia di Carmelo Rifici, nel Pinocchio di Antonio Latella e ne La tragedia del vendicatore, diretto da Declan Donnellan. Auto produce gli spettacoli Il Tiglio, foto di famiglia senza madre di Tommaso Urselli (premio Fersen alla regia 2013). È dei primi anni del 2000 il sodalizio con il drammaturgo milanese Renato Gabrielli (Questi Amati Orrori, Tre-una storia d’amore, La Donna Che Legge tra gli ultimi lavori) e con la dramaturga Renata M. Molinari (Il Custode delle Partenze, Al muro-il corpo in guerra) che presiede La Bottega dello Sguardo, biblioteca mediatica delle discipline dello spettacolo, di cui Massimiliano è socio fondatore e presidente.

All’attività teatrale alterna con sempre più attenzione quella didattica, in collaborazione con Gabrielli e Molinari e quella radiofonica (“My Name is Depero” e “3000 anni fra i Microbi “, produzione Rsi  Svizzera – originali radiofonici di Cappa e Drago tra le ultime produzioni).
Nella scorsa stagione si ricorda la sua partecipazione ne “La Valle dell’Eden” prodotto da Emilia Romagna Teatro per la regia di A. Latella.

Durante il primo lock down crea e porta avanti l’esperienza di Teatro in Condominio, nello stabile in cui abita, ne nasce uno spettacolo “Nessun Miracolo a Milano” sul testo scritto da R. Gabrielli, che riesce a debuttare presso il Teatro della Cooperativa il 23 ottobre 2020, prima della seconda chiusura. 

Un viaggio nella memoria, un percorso emotivo in costante evoluzione, che in dieci anni di repliche ha riproposto, ripropone e continua a rivolgere gli interrogativi: “che cosa è il Bene? come possiamo imparare a riconoscerlo?” e ancora “perché è necessario ricordare?”

Attestato di partecipazione MIUR

Il Centro Asteria – Istituto Cocchetti ai sensi dell’art.1 comma 5 e 6 della Direttiva n.170/2016 è Soggetto di per sé accreditato per la Formazione del personale della scuola. Pertanto la partecipazione agli eventi gode di riconoscimento ministeriale.

Tel. 028460919

Lun – ven | 9.00 – 18.00

1 2 3 6
X
X